sabato 25 agosto 2007

Gli Apostoli nella catechesi di Papa Benedetto


In questo post troviamo i link alle catechesi che il Santo Padre ha dedicato agli Apostoli di Cristo da San Pietro a San Paolo.

Pietro: Pietro, il Pescatore; Pietro, l'Apostolo; Pietro, la roccia su cui Cristo ha fondato la Chiesa (udienze generali 17-24 maggio 2006, 7 giugno 2006)

Andrea, il Protoclito (udienza generale, 14 giugno 2006)

Giacomo, il Maggiore (udienza generale, 21 giugno 2006)

Giacomo, il Minore (udienza generale, 28 giugno 2006)

Giovanni: Giovanni, figlio di Zebedeo; Giovanni, il teologo; Giovanni, il veggente di Patmos (udienze generali 5 luglio 2006, 9-23 agosto 2006)

Matteo (udienza generale, 30 agosto 2006)

Filippo (udienza generale, 6 settembre 2006)

Tommaso (udienza generale, 27 settembre 2006)

Bartolomeo (udienza generale, 4 ottobre 2006)

Simone il Cananeo e Giuda Taddeo (udienza generale, 11 ottobre 2006)

Giuda Iscariota e Mattia (udienza generale, 18 ottobre 2006)

Paolo: Paolo di Tarso; Paolo - La centralità di Gesù Cristo; Paolo - Lo Spirito nei nostri cuori; Paolo - La vita nella Chiesa (udienze generali 25 ottobre 2006, 8-15-22 novembre 2006)

CICLO DI CATECHESI DEDICATE A SAN PAOLO APOSTOLO ED ALL'ANNO PAOLINO

Vedi anche:

Benedetto XVI "Gli Apostoli". Volume primo (edizione rilegata)

Benedetto XVI "Gli apostoli e i primi discepoli di Cristo. Alle origini della Chiesa"

5 commenti:

Antonio ha detto...

Io sono grato a Benedetto XVI per averci regalato, tra le righe del suo alto magistero, la storia di quei dodici uomini, divenuti Apostoli e il commento di ciascuno di essi. Gli Apostoli hanno sempre rappresentato per me una particolare attrazione, in quanto proprio uomini, da Gesù scelti tra gli uomini, forse chissà, fossi vissuto al tempo di Gesù, avrei potuto essere chiamato anch’io alla sua sequela. Come avrei risposto? Questa domanda che io mi son posto, certamente se la sono posta anche quei dodici uomini che, pur tra mille perplessità, inquietudini e paure, decisero di seguire Gesù, ancorché ritenuto dalla gran parte degli uomini del tempo, una specie di folle e di impostore. In Apocalisse21,14 è scritto: “Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello.” Ciò evidenzia l’importanza teologica degli Apostoli, ai quali Gesù ha consegnato l’impegno di costruire la Sua Chiesa. Finalmente Benedetto XVI, con la sua mente e il cuore illuminati, ha dato, considerato che la gran parte dei cristiani appena ne conosce qualche nome, a questi “dodici basamenti” la giusta dimensione che meritano nell’ambito della cristianità.
Cara Raffaella, consentimi una nota personale. Avessi più tempo a mia disposizione pubblicherei più commenti sul tuo blog, e forse scritti anche meglio, ma, ahimé, mi dedico a questo, e ne sono felice e continuerò a farlo, nei brevi segmenti del mio spazio libero. Io ho pubblicato alcuni libri di poesia, attualmente sto lavorando ad un commento poetico del Vangelo di san Luca, a partire dall’orto degli ulivi fino ad Emmaus: un cammino mistico e tragico visto con gli occhi (e il cuore) degli Apostoli. Dico questo solo per riaffermare il giusto interesse che ho sempre avuto per dodici uomini divenuti Apostoli, ho pensato alle loro paure, alle loro contraddizione, alla loro viltà e, paradossalmente, al coraggio che Gesù ha profuso nei loro cuori, basando su di essi la responsabilità di fondare la Sua Chiesa, quella stessa Chiesa giunta fino a noi con la forza dello Spirito Santo. Pubblico questo post alla pagina di Matteo, perché, pur vivendo da anni nei pressi di Roma, sono originario della provincia di Salerno, città dove sono conservate e venerate le sue ceneri e di cui è il patrono. Non è una questione di cultura, ma soprattutto un atto di amore per la mia terra.
Raccomando a tutti il libro di Benedetto XVI “Gli Apostoli e i primi discepoli di Cristo”.
Ciao a tutti e a presto!
(PER RAFFAELLA: HO MANDATO QUESTO POST IERI SERA ALLA PAGINA DEDICATA ALL’APOSTOLO MATTEO; MA NON E’ STATO PUBBLICATO: HO COMMESSO UN ERRORE TECNICO DI TRASMISSIONE?)
Di nuovo, ciao. Antonio.

Antonio ha detto...

PER RAFFAELLA: FORSE ADESSO HO CAPITO DOVE HO SBAGLIATO!

Raffaella ha detto...

In che senso?

Antonio ha detto...

Cara Raffaella: nel senso che commettevo un errore tecnico omettendo di inserire le lettere in "verifica Parola". Tutto qui. L'ho capito nel rimandarti il post.
Con la mia stima, amicizia e affetto, ti invio un caro saluto.
Antonio

Raffaella ha detto...

Grazie, Antonio, la stima e' reciproca :-)